AGRICOLTORI ABRUZZESI. EMIGRAZIONE PER DIFENDERSI DA LUPI E ORSI

agricoltori abruzzo lupi orsi emigrazione caccia danniGli agricoltori d’Abruzzo, in particolare quelli le cui proprietà confinano con il Parco nazionale, sono ormai sotto attacco e vedono la loro attività inficiata dalla notevole presenza di lupi ed orsi.

Abruzzo ove il comparto agricolo afferisce particolarmente all’allevamento delle greggi, è area particolarmente favorevole alle azioni di predazione da parte sia dell’orso che del lupo, specie come noto appartenenti alla fauna protetta e quindi non controllabili nella loro proliferazione.

Gli agricoltori e gli allevatori cercano di difendersi a modo loro purtroppo con il rischio di infrangere pesantemente la legge, come è successo ad un esasperato allevatore che si è beccato una serie di denunce per aver maldestramente disseminato l’area che circonda le proprie stalle di bocconi avvelenati, pratica assolutamente deprecabile. ma che è assolutamente frutto della esasperazione.

I danni che lamentano sono naturalmente su colture e animali allevati ma non si arrestano qui perché si estendono ad arnie, orti e pollai.

Tale situazione – e ciò non deve sfuggire al governo locale nazionale – sta mettendo sul lastrico l’economia locale e le famiglie si ritrovano con i redditi letteralmente demoliti ed è questa forse la causa principale per la quale alcuni stanno pensando di abbandonare il territorio collinare e montano e cercare fortuna altrove.

Un fenomeno di immigrazione motivato dalla fuga dai grandi predatori, dei quali si discute in questi giorni in Europa e si spera che le soluzioni arrivino presto perché lo stato attuale è realmente grave.

 

________________________________________________

come nasce il fucile da caccia