CARABINIERI CHIEDONO SUPPORTO ANCHE AI CACCIATORI

Il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri ha individuato anche nei cacciatori soggetti particolarmente qualificato nelle attività volontarie di tutela dell’Ambiente.

Per i cacciatori è un importante riconoscimento di ciò che abitualmente comunque fanno. La nota che invita i cacciatori a farsi parte attiva ed integrata è emessa dal Comando dei Carabinieri per la Tutela della Biodiversità e dei Parchi – Centro Sviluppo Attività Convenzionali. Nello specifico l’Arma ha indicato Arci Caccia a seguito della sottoscrizione realizzata tempo or sono dal Presidente Sergio Sorrentino di un protocollo d’intesa ove l’Associazione Venatoria forniva la propria disponibilità.

Si inizia all’atti pratico avvicinandosi alla stagione a rischio con il potenziale problema degli incendi, da sempre flagello del territorio e dell’ambiente. I cacciatori di 4 Regioni, Liguria, Lazio, Campania e Calabria, saranno i primi in campo per passare dal protocollo all’atto pratico d’azione.

Il mondo della caccia ed i suoi interpreti, sono ritenuti fondamentali, per la loro conoscenza approfondita dei luoghi e dei boschi, e questo supera le infondate illazioni che o scorso anno apparvero sui media, quando qualcuno pensò bene di attribuire la responsabilità degli incendi ai cacciatori, che in quei periodi oltretutto non frequentavano il territorio alla ricerca della loro passione. Allora non c’erano .. adesso ci saranno con il piacere di dare un fattivo supporto all’ambiente ed all’Arma più amata tra la gente.

 

_______________________________

lepre chiusura caccia stagione venatoria