DI MAIO E LE ARMI: POSSESSORI IN RIVOLTA

Benelli M2

Il Movimento a 5 Stelle sulla cresta dell’onda per le dichiarazioni di Di Maio di voler disarmare gli italiani in un momento in cui gli italiani vogliono riarmarsi per evidenti problemi di sicurezza personale. La controtendenza non aiuta.

Che il Movimento 5 Stelle sia anticaccia è noto e le ragioni elettorali che sempre sono state cavallo di battaglia di molti senza nessun costrutto hanno di nuovo preso campo. Succede in tutte le elezioni.

di maio e le armi possessori in rivoltaMa qui sono andati oltre immettendo nel loro pensiero la volontà di mettere alla mercè di tutti i malintenzionati i poveri italiano. A dire il vero Di Maio conservava il consenso “stranissimo” di alcuni cacciatori e appassionati di armi, ma quando ha voluto brillantemente toccare la proprietà delle armi, annullando per molti fattori emotivi come quelli legato alle armi ereditate, la cosa è cambiata e sta decisamente cambiando il consenso.

Di Maio in una recente trasmissione televisiva, ha affrontato il concetto della sicurezza dei cittadini con la semplice soluzione di aumentare lo stipendio alle forze dell’ordine unito al togliere qualsiasi arma dalle mani degli italiani.

E mettere la parola fine sul diritto alla legittima difesa non ha fatto per niente piacere agli italiani, consci che aumentare di quanto ti pare lo stipendio ad un agente di polizia non aumenta di un nulla la sicurezza. Perché un agente di Polizia ed un Carabiniere è persona che ha già una immensa motivazione, pensare di aumentarla pagandolo di più, forse è la cosa peggiore che si possa dire.

Naturalmente il Movimento a 5 Stelle dimentica che recentemente quasi due milioni di persone hanno votato firmato una proposta di legge di iniziativa popolare per rafforzare la legittima difesa nella propria abitazione.

 

E poi copiato ed incollato dal blog     ilblogdellestelle.it una raccolta di parole odio:

 

Odio la caccia, chi uccide un capriolo, un gallo cedrone, una beccaccia, chi spara ai passeri o alle cinciallegre per divertimento, per farsi la mano, odio chi acceca gli uccelli da richiamo, chi dissemina trappole, esche, tagliole,

odio chi usa il fucile, ma dice di proteggere la natura, odio i boschi, i prati trasformati in poligoni da tiro,

odio l’odore del cuoio, della polvere da sparo, delle cartucce rosse, gialle e arancione grandi spesso come il bersaglio,

odio il massacro spaventoso di animali che ogni anno avviene in Italia, chi spara agli uccelli migratori, ai falchi, alle rondini, agli aironi,

odio il cacciatore buono che difende l’habitat naturale e quello incosciente che ammazza l’amico o un parroco mentre dorme,

odio i ristoranti con gli animali impagliati come trofei, scoiattoli, marmotte, civette e gufi che ti osservano con gli occhi di vetro,

odio chi spara vicino alle abitazioni, i pallini di piombo nel tuo giardino,

odio la legge fascista che permette di entrare nei fondi privati, i cacciatori che si aggirano a meno di 100 metri dalle case con il fucile e il colpo in canna quando la legge lo proibisce,

odio chi mi toglie il piacere della vista di un cervo, di una ghiandaia, di animali che i miei figli vedranno solo allo zoo o nei parchetti,

odio non poter andare a funghi senza la paura di essere scambiato per un cinghiale e ascoltare il rumore cupo e cadenzato delle doppiette invece che il canto degli uccelli,

odio la scomparsa dal cielo degli arabeschi formati dagli stormi, odio l’esproprio della natura fatto per il piacere di pochi, il non poter vedere su un tetto i nidi delle cicogne che non migrano più per l’Italia per sopravvivere ai cacciatori,

odio i riti della caccia, i coltellacci per squartare gli animali, il cameratismo tra uomini veri,

odio chi uccide per piacere, chi definisce sport l’annientamento di una creatura, una di quelle con cui parlava San Francesco,

odio chi caccia perché “si uccidono anche gli animali d’allevamento

odio chi libera i fagiani allevati in cortile per poi fulminarli dopo pochi metri,

odio chi usa la caccia e i cacciatori per fini politici,

odio chi non rispetta gli animali e dice di rispettare l’uomo.

 

_______________________________

lepre chiusura caccia stagione venatoria