ITALIANI ARMATI … LA CRESCITA DEI PORTO D’ARMI

Gli italiani si vogliono armare. Sarà perché la nostra nazione ospita le più importanti aziende mondiali, sarà per l’effetto traino dei nostri atleti sempre vincenti in tutte le discipline di tiro e sarà un po’ il senso di insicurezza. La risultante p che gli italiani si armano.

Il Ministero dell’Interno ha reso noti dati che la dicono lunga sugli italiani e le armi. Mentre sui social si sbandierano battaglie contro le armi da fuoco e lo stesso Movimento a 5 Stelle vorrebbe fare del forte ridimensionamento un cavallo di battaglia, i dati, quelli ufficiali del Ministero dell’Interno, non le chiacchiere, dicono altre cose.

italiani armati crescita porti d'armaIl Ministero afferma che i dati di richiesta di porto d’armi ad uso sportivo e delle licenze di caccia sono cresciute rispettivamente del 42,6% e del 3,46% rispetto all’anno precedente, ano nel quale erano già in crescita rispetto al passato.

Si attinge molto alla autorizzazione al tiro sportivo essendo la stessa più semplice da conseguire e non articolata come l’ottenimento delle licenze di caccia che di fatto è mirata a chi è animato dalla sacra passione per la caccia.

La crescita dei porti d’arma per uso sportivo, forse motivata oltre che dallo sport anche ad un senso di insicurezza che si è ingenerato nei cittadini, è consistente in molte regioni. Il Molise guida la classifica con quasi il 53 %, ma anche regioni come Marche, Basilicata e Lombardia superano ampiamente il 40%.

Anche questo è sicuramente utile ossigeno per i nostri fabbricanti d’armi.

 

_______________________________

lepre chiusura caccia stagione venatoria