PD EMILIANO A FAVORE DELLE MUNIZIONI DI PIOMBO

Siamo sotto elezioni e questo lo sappiamo bene, ma alla fine sentire qualcuno che dice una parola positiva per la caccia fa piacere, dopo le tante genialate dei 5 Stelle.

Il Servizio Prevenzione Collettiva dell’Emilia Romagna aveva chiesto al Ministero della Salute delucidazioni circa la presenza di piombo nelle carni della selvaggina cacciata e commercializzata cosi come la normativa regionale prevede. Questo perché allo stato dell’attuale normativa la carne di selvatici abbattuti a caccia può essere commercializzata solo se questi sono stati prelevati con munizionamento no toxic, ovvero nel caso della canna rigata con proiettili monolitici.

Però dal PD emiliano si fa notare che studi balistici affermano che le munizioni prime di piombo sono dannose per il selvatico, poiché ne prolungano l’agonia ma anche pericolose per l’incolumità delle persone dato che sempre studi balistici evidenziano che tali proiettili tendono a rimbalzare con maggior facilità generando imprevedibili traiettorie.

D’altro canto approfonditi studi sia europei che statunitensi dimostrano che il piombo all’interno dei proiettili, non è direttamente assorbibile dal corpo umano e quindi non provoca particolari rischi per la salute umana.

Pertanto il PD regionale ha chiesto alla Giunta di far presente al Ministero degli Interni, la pericolosità dei proiettili privi di piombo. Mentre al Ministero della Salute si chiede di realizzare un parere favorevole all’uso dei proiettili di piombo. In attesa di ciò si è chiesto alla Giunta Regionale dell’Emilia Romagna di poter utilizzare i proiettili di piombo.

 

________________________________________________

caccia shop abbigliamento per il bosco