UCCELLI IN DECLINO E NON C’ENTRA LA CACCIA

Il Rapporto Birdlife è impietoso e fotografa come la deriva delle attività umane, mette in seria difficoltà la sostenibilità delle popolazioni degli uccelli. Perdita di habitat in favore di agricoltura incontrollata, il primo fattore di serio rischio a cui porre immediato rimedio.

I numeri presenti nel rapporto Birdlife parlano chiaro. Troppo chiaro, dato che il rapporto è molto approfondito e dettagliate per non prenderlo in considerazione. Il dato generale è che il 40% delle specie di uccelli risulta essere attualmente in declino. E questo sembra essere rintracciabile come causa nelle attività umane visto che il 74% delle 1469 specie minacciate lo è a causa dell’agricoltura intensiva mondiale. IL dato tra l’altro non si discosta affatto da altri studi più o meno recenti che da decenni propongono la stessa fotografia.

uccelli declino caccia rapporto birdlife estinzione

Grande accusata è quindi l’agricoltura mondiale che è cresciuta in superficie utilizzata di 6 volte negli ultimi 300 anni. Ciò comporta un utilizzo di pesticidi notevolmente aumentato. La criticità è rilevata soprattutto per le piantagioni di canna da zucchero, cacao, caffè, palma e soia.

Tali valutazione ottenute con un alto valore scientifico rilevano quindi che non è mai la caccia l’elemento di più grande aggressione alle specie selvatiche, perché essa rispetta sempre nei paesi evoluti elementi di sostenibilità ambientale. Laddove questa è sostituita dal bracconaggio tali elementi di rispetto vengono a mancare e questo diventa sommatoria delle criticità che l’avifauna deve subire.

Proprio per questo nel rapporto Birdlife si chiede di contrastare con efficacia il bracconaggio, in particolare ne sud-est asiatico, ma non ci sono specifici riferimenti alla caccia, quella dei paesi ove è normalmente regolamentata.

Il Rapporto individua tra le cause del declino oltre all’agricoltura, il proliferare di specie invasive e la richiesta non velata verso gli stati è quella di effettuarne un rigoroso controllo.

Gli ambientalisti nostrani è da questi approcci scientifici che dovrebbero prendere spunto come fanno i cacciatori, e non abbandonarsi come troppo spesso succede loro a fondamentalisti che non portano mai da nessuna parte.

 

________________________________________________

caccia shop abbigliamento per il bosco