E LA VEDOVA ANDO’ IN GALERA PER LE ARMI DEL MARITO

vedova galera detenzione illegale armi maritoCerto il marito era morto nel 1995 e qualche anno era passato, ma una vedova settantacinquenne prelevata e portata in carcere per detenzione di armi, succede solo in Italia.

Nessuno può puntare il dito contro i Carabinieri che hanno fatto il loro dovere ed è da ritenere anche a malicuore (non dimentichiamoci che più volte chiamati per microfurti in negozi pagano, loro stessi pur di far ritirare la denuncia) ma il fatto è stato che si sono presentati all’abitazione dell’anziana signora e accertato la detenzione illegale non hanno potuto fare a meno di trarla in arresto. La detenzione delle due armi un semiautomatico ed un sovrapposto entrambi da caccia era chiaramente irregolare, visto che erano trascorsi 22 anni dalla morte del marino che regolarmente le deteneva e la signora praticamente non sapeva nemmeno cosa doveva fare. Le armi erano sempre rimaste la ove riposte dal defunto marito.

Ci ha pensato per fortuna stavolta il giudice, non ha fare giustizia perché il reato esiste e le armi sono state poste sotto sequestro, ma almeno a restituire dignità alle istituzioni, rimettendo in libertà la nonnina.

D’altro canto il personale dell’Arma dei Carabinieri una volta accertato l’illecito non ha potuto che procedere a termini di legge e sembra che la Benemerita abbia fatto trapelare il concetto che certi tipi di interventi sono mirati anche a scongiurare i potenziali rischi in cui possono incorrere le persone prive di competenze nell’uso e maneggio delle armi. Questa è la legge nostrana, abbastanza lontana da quella di altri paesi.

 

 

 

_______________________________________________________

I TUOI ACQUISTI DI CACCIA HANNO UN PRECISO NEGOZIO

caccia shop articoli per la caccia acquisti online

DA 10 ANNI, UN CATALOGO DI OLTRE 12.000 PRODOTTI PER LA CACCIA CHE TI PORTIAMO A CASA!!