IL CANE DA BECCACCIA

Quasi tutti i cani da caccia, ed in particolare i Setters, fermano la beccaccia, ma il saltuario incontro o qualcuno in più non lo laureano specialista.

Il vero specialista è un cane raro, rarissimo da trovare e da forgiare. Per aspirare a questo titolo, il mio setter ideale, deve avere delle specifiche doti, da ricercarsi già da cucciolo.

Obbedienza: Solo con un cane ubbidiente potrete avere il totale controllo su di lui, in quanto solo così potrete evitare assordanti richiami e fischi da stadio. Un semplice e breve fischio dovrà servire a farlo rientrare prontamente.

Equilibrio: un cane che possiede questa dote sarà addestrabile facilmente e tutti gli insegnamenti impartiti, comprese le punizioni, li assimilerà senza problemi. Un cane squilibrato non servirà a nulla.

Resistenza alla fatica: dote senza la quale le giornate di caccia diventano un calvario, infatti, andare a caccia di beccacce con un cane che dopo qualche ora non ne ha più, vi condizionerà la giornata di caccia.

La cerca: dovrà essere continua, ardente, non ristretta, dovrà esplorare ogni angolo del bosco, ma non dovrà mai essere autonoma e indipendente. Non servirebbe a nulla.


Setter Inglese Beccaccia Scolopax


Passione: da vendere, che e´ quella che gli farà battere montagne valloncelli ed anfratti, senza mai fermarsi un attimo, sempre alla ricerca dell´arcera. Senza di questa, le doti sopra menzionate saranno inutili.

Olfatto: dovrà possedere un gran naso e senso di discernimento degli odori. Solo da cucciolone saranno tollerate le ferme su qualche merlo o pettirosso. Una volta capito quale e´ l´ odore della regina dovrà fermare soltanto quello e l´ intelligenza e l´ equilibrio gli eviteranno le tanto antipatiche ferme in bianco.
Il Setter di gran naso una volta specializzato vi darà l´emozione di vederlo avventare beccacce a distanze siderali e ve li servirà su un piatto d´ argento.

Il consenso: dote innata nel Setter, indispensabile per quei cacciatori che amano cacciare con amici o con una coppia di cani, e´ fondamentale in quanto la maggior parte delle volte esso sarà richiesto al cane lontano dal cacciatore e quindi dovrà essere spontaneo, immediato e solido.

Senso del selvatico: questa dote innata in alcuni, inesistente in altri, fa sì che il grande cane da beccacce lo sviluppi con il tempo e con gli incontri. Egli saprà sempre dove andare a cercare la regina, di primo arrivo, o quelle difficilissime di rimessa, ritrovandola in breve tempo anche dopo innumerevoli levate, voletti o astuzie, che la beccaccia mette in atto per salvarsi le penne. Un cane così sarà impagabile.

La guidata: Senza questa dote naturale, anche se ne fermerà molte, difficilmente riuscirete a sparare. La beccaccia, dopo qualche istante dalla ferma, molte volte inizia a pedinare per sfuggire al cane che, se non inizierà a stargli dietro con le dovute precauzioni e mantenendo una certa distanza “di sicurezza”, provocherà l´ involo anticipato senza che voi la vediate. Il vero specialista, anche su quelle più astute e pluridecorate beccacce di gennaio, farà in modo di tenerla sempre sotto scacco costringendola ad appiattirsi al suolo.


Setter Inglese Beccaccia Scolopax


Volutamente ho lasciato per ultima la ferma: Parlando di setter parliamo di cane da ferma e quindi e´ normale che essa ci sia in qualsiasi soggetto. Sarà la vostra bravura a far sì che questa risulti statuaria, solida e sicura.

E´ difficilissimo trovare un cane che abbia tutte queste doti, ma sto lavorando da anni per far sì che ogni singolo soggetto del mio allevamento li abbia e li sviluppi.


Eugenio Chisari
Allevatore e Addestratore Allevamento Setter Inglese SCOLOPAX

www.setteringlese.altervista.org