IL POSTAROLO di Piergiorgio Meacci

meacci FIDC Macchie

Tutto ‘ncumincia la mattina ‘nverso le 9, tutti ‘ arrivno a la spicciolata, scendno da la machina tutta piena de loto, pare che veng’no dal campo; figurte che scena, la prima cosa che fono pigl’no la catana col magnà, le prime stronzate se sentno subto, cusì passa ‘n quart d’ora e ‘l gruppo aumenta ‘nsieme a le salcicce, le ventresche, e i boccioni del vino, ‘ncumincia ‘l primo spuntino ‘nverso le 10, se formno i gruppetti, nissuno parla ‘l festivo, ogni tanto se sente la radina de’ quelli che sonno a traccia’: Cesare, Lampino e Gambe Corte, al sentì loro qualcosa c’è, la paura più grossa è se l’ha trovati Lampino che glie fonno male i ginocchi, gl’arriva sopra e li spaura.

‘Nverso le nove ariva ‘l presidente “Lillo”, fa ‘n giretto per rendese conto de quanti semo. Poco doppo ‘ncumincia a movse col furgoncino per capì dua se caccia.
Li ‘ntorno al foco se parla tutte cose, racconti e profacole sintiti e risintiti.
Verso la mezza, confortate dale campane de Pacciano, ‘ncuminc’no le prime discussioni de dua se vole scioglie, se parla d come vogl’no mette le poste; doppo la sofferta decision se parte, 5 agli oppine, 9 dua se guerna,10 giuppe l’ fosso del dottore.

I canai e i paratori rest’no ‘ncora a chiacchierà, Sauro mette le poste provando a fa’ la cartuccia, ma visto come vonno le cose a la fine dice a quelli che ‘n camin’no de gi’ con Lu e fa ‘l possibile pe contetà tutti.
Cesare, Gambecorte, Silvano e Mirco se accord’no p’ la sciolta, Cesare cerca quando e’ possibile de tenè lontani Gambecorte e Mirco, ‘l motivo è meglio tenevve lontano perche’ vo’ due ‘nsieme chissa che combinate.
Quando tutto è pronto sciogl’ono i cani e se sente anche Maurizio che ‘ncumincia a da’ i primi consigli: controlla’ ‘n po la piccaia vicino a la casa, gi’ a la tagliata ecc., e tu ‘ntanto pensi: ma come a fatto a arriva’ su all’elcione, si prima era all’oppini ‘n cusi’ poco tempo.

A ‘n certo punto parte la canizza e d’lì ‘ncumic’no a entrà ‘n ballo i paratori Sergio, Andrea e ‘l Presidente che nun se sà si para o spetta al buco, si ‘l cinghiale va verso de lu’ dice :“caro amico oggi tu è sbagliato buco”!
La battuta va avanti, bocie, bussi e altro per spigne l’animale ‘nverso le poste, si tutto va bene tir’no i postatoli, se sentono ‘n po’ de schioppettate e pu ‘l silenzio.
I canai d’li a poco chiedono ‘nformazioni.: “l’ ete preso o no? ‘ncora silenzio. ( ‘n’è facile per chi a padellato dì d’ no e veng’no mille pensieri per capì come fa per giustificasse: se pensa che poss’no esse state le piante, se pensa ancora che uno ha voluto salvà i cani, ne la fretta m’è nuto su male lo schioppo ecc..).

Ma i canai ci’ono altre rogne, ovver de cercà d’archiappà i cani, e ‘l postaiolo rinfrancato d’ avè scansato de dovè trovà l’ennesima scusa risponde che son passati, ma ormai chissà ‘ndua son finiti.
A quel punto Cesare chiama Orestino che fino all’ora nun eva mai risposto ta nissuno, si non ta Lu’ , parte come ‘n razzo,vorrebbe archiappà i cani, ma ‘n qul fragente se sente anche Lampino che dice: “Fermi che me trovo a la curva de le salcicce e li fermo io”; ma siccome glie fonno male i ginocchi i cani pass’no e continua la battuta, riparte la canizza, quindi i canai e Maurizio danno disposizione ai paratori!

L’animale appena scovato piega proprio ‘nverso Sergio che pensando ch’era finita s’era mezz’addormentato, tira su le cartucce a salvo e li per lì ‘l cignale a momenti i se mette a ride, fortuna che coi bussi i s’è fermato e ha potuto arcaricà.
Ma la contentezza d’avello amazzo gl’ è passata quando ‘l cignale ha barullato drento al fosso e tutti se sono spariti ‘nvece d’aiutallo a careggià.


QUESTO VUOLE ESSERE UN MIO RACCONTO UN PO’ IN DIALETTO, UN PO’ BURLONE, PER LA GRANDE SIMPATIA CHE NUTRO PER I COMPONENTI DELLA SQUADRA!!

ARRIVEDERCI ALLA STAGIONE 2010 – 2011!!

MEACCI PIERGIORGIO
Presidente Sez. Comunale FIDC Panicarola Macchie (PG)

VOCABOLI PIU’ FREQUENTATI

CIMA PACIANO; PINETA PANICALE; MISSIANO; FOSSATO; CAMPODONICO; CIAMPANA; POGGIONE; PAUSILLO; GAGLARDINO; QUARANTANA.

RIFERIMENTI PIU’ USATI
PERTICHE; BUCACCIA; STECCIONATA, PAOLA ; BUCHI DEL DOTTORE; FOSSATO DEL DOTTORE ; POZZINO; ELCIONE; RIPASSO; COCUZZOLO; SOLDATINI; FROCI; PUCCETTI; PULCINELLA; RECINTO CAVALLI; CAPRE ; PENNE; RENAIA; SUGHERAIA; TAIATA; RIMBOSCHIMENTO; MANDLO; PINO BRUCIATO; BRUCIATA; CURVA DELLE SALCICCE; BUCO DELLA GHIANDA; CAPANNO DE FERRO; LA CACCIA; VOLPAIO; FICAINA; STRADONE; OPPINI; N’TROSCIA; CERASO; SASSONE ; CANCELLINO; AL POSTO DI MISSIANO; OLIVETO DI GATTI; VIGNETTA; LA TRAVE; LE BARCAIE; LA VARACCA; LA FILE DELLE ANTENNA; AL RISTORANTE; LE SPINAIE DELLA MARA.