FIDC VENETO: SULLA RABBIA LA REGIONE E´ STATA A GUARDARE…

Critico il giudizio della Fidc Veneta nei confronti della Regione in merito alla prevenzione della diffusione della rabbia silevstre nel territorio, dopo che essa era stata segnalata da tempo nel vicino Friuli Venezia Giulia.

Secondo l´associazione venatoria, infatti, la prevenzione attuata in Veneto non è stata adeguata e, nonostante l´allarme lanciato da molti mesi da parte del mondo veterinario e venatorio congiuntamente, poco o nulla si è fatto per impedire la diffusione di questa zoonosi mortale.
 
Ora si interviene con un impegno di spesa di un milione di Euro da parte della Regione Veneto per le vaccinazioni dei cani e per gli animali allo stato libero – denuncia la Fidc – con l´ulteriore beffa di vietare l’uso del cane da caccia sul territorio anche se vaccinato regolarmente“.

Per questo l´associzaione chiede almeno che la caccia con l´ausiliare sia comunque permessa qualora sul soggetto sia stata adeguatamente effettuata la necessaria profilassi.