APPROVATO IL DECRETO SU USO ED ACQUISTO ARMI

Ha visto la luce l’approvazione del Decreto Armi, che mira a ridisciplinare l’acquisizione e l’utilizzo delle armi, recependo la normativa europea 2017/853.

La normativa europea ha voluto normalizzare in tutti gli stati membri le condizioni di circolazione ed utilizzo delle armi da fuoco e delle loro componenti essenziali, con lo scopo di adottare specifiche cautele.

Un primo elemento nuovo è il riconoscimento delle armi che impone un nuovo criterio di marcatura.

E’ anche previsto un controllo più stringente sulla acquisizione e detenzione e una normalizzazione dei documenti che danno diritto al possesso (porto d’armi) che passa da 6 a 5 anni per le nuove emissioni.

Altra novità è la tracciabilità delle armi che impone di conoscere data certa di fabbricazione dell’arma ed il divieto assoluto di modifica delle armi in modo che appaiano con la forma di altri oggetti.

Coloro che acquistano armi devono produrre al momento della denuncia presso le autorità di polizia una autocertificazione con la quale si informa di aver correttamente informato i familiari del possesso di arma compreso il convivente more uxorio.

Per coloro che detengono armi senza avere il porto d’armi (es. vedove di cacciatore) è fatto obbligo di presentazione di certificazione medica ogni 5 anni.

Alla fine, rispetto ad altri paesi più “negazionisti” l’applicazione della nuova norma risulta abbastanza soft.

 

 

______________________________

SPECIALE PREAPERTURA

capanno da cacciacapanno da cacciacapanno da caccia