UMBRIA: MASSIMO BUCONI, NO ALLA CACCIA PER SPECIE

Tratto da www.tuttoggi.info.it

La 3^ commissione consiliare ha espresso parere favorevole al calendario venatorio umbro 2012-2013 proposto dalla Giunta regionale con un solo voto di astensione (Lega Nord) apportando le seguenti modifiche:
1. Colombaccio prelevabile anche in pre-apertura
2. Lepre chiusura della stagione al 16 dicembre 3.
 
Nelle aziende faunistiche Venatorie chiusura per il fagiano al 31 gennaio Solo il Consigliere Massimo Buconi ha presentato un emendamento chiedendo di togliere il punto h) del calendario.
Nel punto in questione è previsto che il cacciatore che effettui la caccia al cinghiale in battuta per quel giorno può svolgere solo quel tipo di caccia. L’emendamento è stato bocciato con il solo voto di astensione della Lega Nord.

Già nell’audizione che ha preceduto la Commissione solo un’associazione venatoria aveva espresso contrarietà. Ho inteso presentare l’emendamento in quanto si prevede una forte discriminazione nei confronti di alcuni cacciatori e di fatto si introduce in Umbria il principio della caccia per specie. Non sono d’accordo e mi stupisce che il mondo venatorio non abbia percepito il pericolo insito in tale proposta. Quando i cinghialisti chiederanno alle proprie associazioni perché loro solo il cinghiale e gli altri tutto, compreso il cinghiale, cosa risponderanno?

L’Assessore regionale competente ha ben valutato quale frattura andrà ad innescarsi, quali contrasti insorgeranno su una questione delicatissima quale la gestione della specie cinghiale? Con quale clima pensiamo si possa effettuare un, speriamo efficace e risolutivo, intervento di contenimento dei danni se iniziamo con un atto di palese ostilità nei confronti delle squadre cinghialiste?
 
Ritengo che la politica, il governo regionale, le associazioni venatorie debbano rispettare tutte le forme di caccia, trovarne gli equilibri e perseguire il raggiungimento di un clima armonico. Non mi pare che si sia partiti bene.

di Massimo Buconi
Presidente Gruppo “Socialisti e Riformisti per l’Umbria”


facebook cacciainfiera