UNARMI E DETENZIONE ARMI

Il mese di agosto è stato ricco di eventi politici, caduta del governo nuovo incarico a Giuseppe Conte che ci preoccupa un pò per la convergenza di M5S e Pd che hanno al loro interno anime che si sono dimostrate anche in un recente passato ostili al possesso delle armi.

Ciò che ci rende al momento tranquilli è che nessuna delle due anime abbia visto nella questione un punto urgente da inserire nel programma di governo. Ma la guardia va tenuta alta.

Ricordiamo però, l’ordine del giorno proposto da Zingaretti a fine agosto ed approvato dalla dirigenza suo partito preliminarmente alla formazione del nuovo governo così come le varie dichiarazioni che hanno accompagnato l’ottenimento della fiducia, nei quali sono stati richiamati esplicitamente e ripetutamente i diritti e le libertà dei cittadini.

Diritti e libertà che, al di là della retorica e della monotonia politica, articolandosi su più livelli non possono ovviamente non ricomprendere anche il diritto e la libertà di coltivare legalmente le proprie sane passioni, di praticare attività sportiva e di tutelare la sicurezza propria e dei propri cari.