BERLATO E LE CACCIE IN DEROGA

caccia in scozia sassetti oche anatre beccaccia gennaio 2019

 

Recentemente Sergio Berlato si è chiesto perché in Italia nessuno sta più parlando di caccia in deroga.

L’applicazione del regime di deroga e l’attivazione degli impianti di cattura esplicitamente previsti dalla Direttiva 147/2009/CE e dalla legge statale n. 157/92, però stando ai fatti nessuno sembra più essere interessato a permettere ai cacciatori italiani di usufruire di queste opportunità offerte dalle normative vigenti.

La cosa risulta anomala dato che pin certi periodi le forze politichev ritenessero indispensabile garantire questo diritto ai cacciatori italiani, così come sembrava che quasi tutti i dirigenti di quasi tutte le associazioni venatorie italiane fossero pronti ad immolarsi in difesa dei diritti dei loro associati.

Berlato si pone il quesito se il motive possa essere pura rassegnazione o è la distanza da prossime scadenze elettorali.

Perché – si chiede Berlato – i vari rappresentanti politici, tranne qualche lodevole eccezione, non alzano la voce per pretendere dalle istituzioni il rispetto e la corretta applicazione delle Direttive comunitarie e delle normative statali? Perché la maggior parte dei dirigenti venatori in rappresentanza delle loro blasonate associazioni non fanno quadrato per chiedere al Governo la convocazione della Conferenza stato/regioni per dare piena applicazione all’art. 4 ed all’articolo 19bis della legge statale n. 157/92 che permetterebbero l’attivazione degli impianti di cattura e l’applicazione del regime di deroga in Italia come previsto dall’art. 9 della Direttiva 147/2009/CE?

 

Turismo venatorio riserva di caccia umbria