CACCE TRADIZIONALI IN LOMBARDIA. PER ORA NULLA.

caccia in scozia sassetti oche anatre beccaccia gennaio 2019

 

Il CPA della Lombardia ha espresso la propria delusione e insoddisfazione per l’ennesima risultanza negativa sul prelievo in deroga.

L’amarezza sta anche nel fatto che nemmeno con un governo con Salvini e Centinaio all’agricoltura si riescono a praticare le cacce tradizionali più radicate in Lombardia. Infatti al momento, secondo il CPA Lombardo, infatti il vincitore è Ministro dell’Ambiente Costa di area Movimento a 5 Stelle.

Il CPA attende l’intervento dei consiglieri regionali Massardi e Mazzali per andare a fondo sulle reali intenzioni di Regione Lombardia in merito alle cacce tradizionali.

CPA sottolinea anche come positiva la concessione di due giornate aggiuntive per i Migratoristi e le azioni volte alla riapertura dei Roccoli.

Altre notizie vengono dall’inalterato carniere per la specie allodola, mentre sarà sicuramente richiesta una per il Pago Pa, nuovo sistema di pagameto previsto da Regione Lombardia.

Il CPA segnala con amarezza la continua assenza agli incontri con le Associazioni Venatorie della Dottoressa Anna Bonomo Direttore Generale dell’Assessorato, e chiede per questa assenza che l’Assessore faccia chiarezza.