LOMBARDIA: DIFFICILE PAGARE LE TASSE SULLA CACCIA CON IL PAGOPA

Il sistema PagoPA è il nuovo attore per i pagamenti delle tasse di concessione in Lombardia. Notevoli le difficoltà incontrate dai cacciatori.

Per quanto è stato scritto in una comunicazione dalla Regione Lombardia, dal 1° gennaio 2020 non si potranno più eseguire i versamenti regionali in materia di caccia attraverso bollettini o bonifici. La scelta è stata presa dalla Regione Lombardia che ha aderito al sistema pagoPa, per tutti i pagamenti rivolti alla pubblica amministrazione: tasse, tributi, bolli e rette potranno essere pagate esclusivamente con questo sistema, che prevede la possibilità di pagare direttamente on-line o anche fisicamente agli sportelli bancari, postali, agli sportelli ATM (bancomat) abilitati, ai punti Lottomatica.

La scelta potrebbe essere anche una comodità, avendo molte possibilità, dal divano di casa al tabaccaio, passando per Posta e Banca, ma in realtà per quello che riguarda le concessioni regionali in materia di caccia e per il pagamento degli esami venatori la cosa sembrerebbe più complessa. Le informazioni dettagliate inviate dalla regione non prevedono tutte queste possibilità di pagamento, infatti, questo si riconduce al fatto che la Regione, per questi pagamenti, non invia al cittadino nessun “avviso di pagamento” con i codici necessari, come per esempio avviene per il bollo auto: pertanto all’utente non rimane che registrarsi al sito dedicato e procedere egli stesso a procurarsi i codici ed effettuare il pagamento, che dunque rimane esclusivamente on-line.

Un sistema di semplificazione come pagoPa in questo sistema diventa una buona complicazione.

 

caccia in scozia sassetti oche anatre beccaccia gennaio 2019