LA MIGRAZIONE SI ARRESTA CON LA NEVE

Il movimento migratorio delle Cesene, pur a livello erratico in occasione del plenilunio del 12 dicembre, sembra essersi arrestato affievolendo di molto le speranze dei più caparbi capannisti.

Questo accade ora, e così accadeva nel passato quando la caccia non soffriva questa continua battaglia di ogni giorno come se fosse diventata il capro espiatorio di tutti i nostri mali, soprattutto in Italia.

Per nostra fortuna le schiere migranti non conoscono queste “barbarie politiche-animaliste” e seguono quell’immutabile calendario ornitologico che potremo considerare, per l’anno che sta per lasciarci, alquanto positivo in riferimento ad alcune specie, quali il Tordo bottaccio, il Merlo, il Fringuello.
Ma di questo parleremo nel prossimo rapporto annuale che verrà pubblicato il prossimo gennaio. Per ora la nevicata di Santa Lucia ha imbiancato, tra giovedì e venerdì sera, la media collina e anche gran parte della provincia, ma tutto si è risolto nel ritorno in questo week-end del sole che ha fatto cancellare di molto la modesta coltre bianca. Nessuna novità, dunque, per le Cesene, mentre vi è stato un interessante movimento erratico delle Cinciarelle e della Cince more, delle Capinere e dei soliti Merli che sembrano non abbandonarci. Insomma, un momento di silenzio anche per i nostri amici alati.

ANUU MIGRATORISTI

 

 

_______________________________________

caccia acquisto accessori online