MILANO: IN CORTEO 800 CACCIATORI

Pur non essendo una manifestazione autorizzata, è stata definita poco più che una passeggiata nella quale i cacciatori hanno esposto le loro ragioni.

Non più di pochi minuti di protesta, indirizzata contro la regione Lombardia per una caccia che in questo momento è negata ai cacciatori della Lombardia.

Arrivati con numerosi pulmann e con mezzi propri, i cacciatori della Lombardia hanno fatto una passeggiata sostando davanti al Pirellone e poi sotto la nuova sede di Regione Lombardia per protestare contro la sospensiva del Tar che ha bloccato la cacia su ricorso della Lac.

I Cacciatori tutti rigorosamente che giacchetti ad alta visibilità hanno protestato in particolare contro l’assessore Rolfi, reo, secondo i cacciatori della Lombardia di non aver abbastanza difeso le loro istanze.

L’assessore nei giorni scorsi aveva informato i cacciatori sul fatto che il suo assessorato si era messo immediatamente al lavoro dopo l’uscita della sentenza per far riprendere velocemente l’attività venatoria in regione.

 

caccia alla beccaccia croazia