ORSO M49 CATTURA E FUGA

Sui monti della val di San Valentino, i giorni scorsi l’orso M49 è stato catturato dal personale del Corpo Forestale Trentino in applicazione dell’ordinanza del presidente delle Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, del 1° luglio scorso.

L’orso è stato portato nell’area faunistica del Casteller, a Trento sud, ma è riuscito a scavalcare le numerose recinzioni, anche elettrificate, alle prime luci dell’alba, addentandosi nel bosco.

nonostante l’area fosse presidiata da personale del corpo forestale, anche con l’ausilio di cani.

E’ stato dichiarato che si è verificato un evento assolutamente anomalo, non previsto dai tecnici dell’Ispra e dagli altri esperti che avevano certificato l’area del Casteller, che non ha eguali in Italia per condizioni di sicurezza. Tutto ciò rende giustizia delle preoccupazioni che avevamo espresso circa la pericolosità di questo esemplare e delle misure che aveva deciso di assumere la Provincia autonoma di Trento.

A maggior ragione, a questo punto, ogni tipo di intervento per garantire la pubblica sicurezza non potrà che essere considerato assolutamente opportuno e legittimo anche dopo la sentenza della Corte Costituzionale che definisce le attività poste in essere non in contrasto con la costituzione.

Sulla ventilata ipotesi di abbattimento, intanto, il Ministro dell’Ambiente Costa ha voluto ribadire la propria assoluta contrarietà intendendo inviare una squadra esperta di ISPRA che faccia chiarezza sulla fuga dell’orso.

 

caccia in scozia sassetti oche anatre beccaccia gennaio 2019