NEL PARCO DELLO STELVIO SI ABBATTONO I CERVI

I cervi del parco dello Stelvio hanno superato con la loro popolazione i limiti di sostenibilità dell’habitat. Per questo motivo si è decisa la definizione di un piano di abbattimento, che sottoposto ad ISPRA ne ha ottenuto parere favorevole.

Le attività di prelievo venatorio hanno preso il 15 ottobre e proseguiranno sino 16 dicembre.

L’obbiettivo è quello di ripristinare la densità di popolazione degli ungulati corretta rispetto alla sostenibilità del territorio.

Naturalmente LAV ha criticato questa decisione e lo ha considerato una regalia per i cacciatori del territorio. Gli animalisti hanno affermato come questo prelievo sia una violenza, non tenendo conto affatto, del colpo chirurgico che provoca la morte istantanea di un soggetto, come quello di un’arma da fuoco a canna rigata. L’alternativa potrebbero essere anche negli anni venire patimenti per gli animali a causa dell’insorgere di patologie in una popolazione di cervi a cosi alta densità, oltre all’evidente danneggiamento del patrimonio forestale.

Ancora il numero di Cervi da cacciare non è stato definito, ma nei prossimi due mesi verrà comunicato agli abilitati al prelievo venatorio.

 

 

_______________________________

lepre chiusura caccia stagione venatoria