A ROMA SI INTERVIENE SUI CINGHIALI

Situazione cinghiali sempre più da emergenza nella capitale; si è deciso di intervenire per controllare il numero dei suidi.

Si può affermare che a Roma inizia la caccia al cinghiale. Un caccia un po’ diversa da quella tradizionale che tutti i cacciatori conoscono, anche perché in ambiente urbano è difficile pensare di intervenire con armi da fuoco tradizionali naturalmente per avere le massime garanzie di sicurezza.

Ma era necessario prendere la decisione di intervenire, ove i cinghiali hanno preso l’abitudine di effettuare con frequenza le loro scorribande vicino ai cassonetti. Succede in varie aree della città metropolitana e si è perciò deciso di intervenire cambiando decisamente l’approccio che sin qui aveva caratterizzato l’amministrazione comunale.

La Sindaca Raggi ha perciò stretto un vero e proprio patto con Zingaretti che prevede l’utilizzo delle ex guardie provinciali che saranno deputate al controllo della popolazione dei cinghiali.
Il munizionamento fornito dagli enti consiste in due tipi di anestetici, su due variabili livelli di efficacia in caso di rendere inoffensivi e stordire gli animali.

Questi saranno successivamente abbattuti.
Il protocollo è già stato votato con esito positivo in Regione Lazio. Può quindi iniziare l’operazione cinghiale.

 

caccia in scozia sassetti oche anatre beccaccia gennaio 2019