IN TOSCANA NON PIACE AD EPS E CACCIATORI IL REGOLAMENTO DI VIGILANZA

Negli ultimi giorni, nella città Metropolitana di Firenze, è stato approvato il nuovo regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria e per il riconoscimento di guardia giurata venatoria.

EPS (Ente Produttori Selvaggina) Toscana ha espresso molta sorpresa e rammarico per quello che riguarda il metodo dal momento che non c’è stata concertazione con le associazioni venatorie, dato che sono stati modificati una serie di criteri che penalizzano le numerose guardie venatorie che quotidianamente prestano la loro opera per la tutela dell’ambiente, la gestione faunistica del territorio, e la collaborazione con gli istituti privati.

È stato abbassato il limite d’età per lo svolgimento delle prestazioni, visite mediche e prove di tiro annuali, aumento delle ore obbligatorie di servizio. Queste sono le novità che impediranno a molte guardie Volontarie di continuare a prestare la loro opera. Questo è un regolamento che dovrà essere per forza corretto a giudizio della Confederazione Cacciatori Toscani.

Per questo la CCT ha concordato e calendarizzato un incontro con i rappresentanti della Città Metropolitana, in modo che vengano rappresentate le richieste di urgente modifica poiché questo provvedimento rischia di ostacolare ridurre una attività fondamentale come quella della vigilanza, sia sul territorio che negli istituti faunistici pubblici e privati.

 

caccia in scozia sassetti oche anatre beccaccia gennaio 2019