A LECCE DEI MARSI I CACCIATORI ALIMENTANO I CERVI

Il Comune di Lecce nei Marsi, d’intesa con il presidente del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, ha deciso che verrà affidato ai cacciatori il compito di dare alimentare i cervi dell’area faunistica recintata.

Chi si prenderà cura degli animali sarà l’associazione cacciatori Nunzio Maddalena, in cui ci saranno 18 volontari disponibili a tale compito. Il Presidente dell’associazione, Angelo Monaco, ha fatto sapere che oltre ad occuparsi dell’area faunistica vegetale recintata, si occuperanno anche di portare in montagna foraggio e mele per impedire ai cervi di scendere fino ai centri abitati alla ricerca di cibo.

Questo impegno da atto della volontà dei cacciatori di prendersi cura della natura e di proteggerla e tutelarla. “Purtroppo – ha commentato Monaco – siamo malvisti: l’attività venatoria è percepita dall’opinione pubblica come un rischio tanto per le specie in via di estinzione, quanto per le persone. Bisogna però distinguere tra quelli che praticano la caccia nel rigoroso rispetto della legge e quelli che invece cacciano di frodo. Costoro non hanno niente a che vedere con i cacciatori.

Purtroppo quando un lupo o un cervo viene trovato ucciso, si dà la colpa ai cacciatori, indistintamente. Non sono i cacciatori ma i bracconieri né i controlli né l’inasprimento delle pene bastino a debellare questa piaga”.

 

 

________________________________________________

caccia shop abbigliamento per il bosco