AUMENTANO I LUPI IN ITALIA

Il primo monitoraggio nazionale effettuato da ISPRA stima in 3.300 i capi presenti sulla penisola con un terzo localizzato sull’arco alpino e due terzi sulla dorsale appenninica.

La ricerca ha coinvolto un gran numero di esperti che su mandato del Ministero della Transizione Ecologica hanno svolto l’approfondita indagine.

La ricerca ha evidenziato come il lupo sia ormai stabilmente attestato su tutti gli ambienti idonei dell’Italia insulare. Ovunque è rilevato in crescita ma questa è più spiccata sull’arco alpino.

L’importante lavoro scientifico di monitoraggio è stato effettuato con più strumenti: avvistamenti con fototrappole, carcasse di ungulato predate, tracce e rinvenimento di carcasse di lupi, rilevamento di escrementi.

Oltre 3.000 addetti hanno partecipato all’imponente monitoraggio, tutto personale formato molti dei quali volontari.

Quello realizzato è un modello innovativo di monitoraggio, che consente di superare le disomogeneità dei precedenti metodi, e che ha anche permesso di standardizzare specifici protocolli, utili per seguire in futuro le dinamiche della popolazione.