DAL 4 LUGLIO CANI IDENTIFICATI SOLO CON MICROCHIP

Testo tratto da www.anmvi.it

Dal 4 luglio 2011 tutti i cani, gatti e furetti che viaggiano al seguito dei proprietari verso l’Europa o all’interno del territorio comunitario devono essere identificati mediante microchip.
Lo prevede il Regolamento CE 998/2003 relativo alle condizioni di polizia sanitaria applicabili ai movimenti a carattere non commerciale di animali da compagnia e che modifica la direttiva 92/65/CEE del Consiglio.

La data del 4 luglio segna la fine di un periodo di transizione durato otto anni, durante il quale sia il tatuaggio che il microchip erano accettati come strumento di identificazione per questi animali. Il passaporto dovrà contenere informazioni dettagliate, che attestino l’esecuzione di una vaccinazione antirabbica in corso di validità.

Fino alla fine del 2011 Irlanda, Malta, Regno Unito e Svezia richiedono anche un test per verificare l’efficacia della vaccinazione effettuata.
Sempre fino alla fine del 2011, per l’ingresso in Irlanda, a Malta e nel Regno Unito sono richiesti il trattamento contro le zecche e il trattamento contro la tenia.
Finlandia e Svezia richiedono il trattamento contro la tenia.

Riguardo all’interrogativo se gli animali tatuati prima del 3 luglio 2011 debbano essere sottoposti a nuova identificazione, la DGSanco ha diffuso una nota di chiarimenti fin dal Dicembre del 2010, nella quale si afferma che in presenza di un tatuaggio chiaramente leggibile per il quale è dimostrabile che è stato eseguito prima del 3 luglio 2011, l’animale si considera correttamente identificato.