“IL BOSCO IN TAVOLA”: GRANDE SUCCESSO DEL CONCORSO

Si è svolta la finale del concorso “Il Bosco in Tavola”, riservata alle elaborazioni gastronomiche di carne di cinghiale con aspiranti Chef gli studenti degli istituti alberghieri marchigiani. E’ stata un successo.

La valorizzazione culinaria delle carni di cinghiale è stato il tema dominante del concorso “Il Bosco in Tavola” riservato agli studenti degli istituti alberghieri delle Marche. Si è inteso stimolare i futuri chef su ricette nuove e creative in grado di valorizzare una risorse più presenti e genuine della regione: la carne di cinghiale. Le carni provenienti dal Centro Lavorazione Selvaggina dell’U.R.C.A. Macerata. Sono state valorizzate dando libera fantasia alla creatività gastronomica dei concorrenti.

L’evento ha avuto importanti patrocini a partire dalla Regione Marche, da Fondazione UNA, da U.R.C.A. Marche, da Federcaccia Marche, da Coldiretti Marche, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche “Togo Rosati”, dall’ l’Università “La Sapienza”, dalla clinica AlpiVet.

E’ intervenuto per la presentazione il Vice Presidente della Regione Marche Dott. Mirco Carloni, che ha tenuto a sottolineare l’unicità dell’iniziativa, come interessante supporto al comparto gastronomico regionale.

Di rilievo la presenza, di Franchi Food Academy, progetto di Franchi, che da anni grazie alla lungimiranza del Dott. Bruno Beccaria e della applicazione del suo staff, ha creduto nel binomio caccia e cucina sotto una veste moderna e creativa.

Grazie all’impegno di Franchi Food Academy i partecipanti hanno potuto avere la presenza dello Chef Prof. Domenico Dormicchi che ha tenuto una lezione sulla versatilità della carne di selvaggina e il suo utilizzo nella ristorazione.

Il primo premio è stato vinto da Matteo Codignoli dell’Istituto G. Celli di Piobbico con una ricetta di cappelletti di cinghiale con fonduta di casciotta d’Urbino Dop, tartufo nero di Acqualagna e amarene di Cantiano. La ricetta sarà pubblicata sul sito di Franchi Food Academy.

Il premio è stato consegnato dal Consigliere Regionale Dott. Marco Ausili.

 

turismo venatorio caccia