COLDIRETTI: IN ITALIA PIU’ DI 2 MILIONI DI CINGHIALI

Con tali cifre l’Associazione valuta assolutamente necessario incrementare gli abbattimenti.

Per Coldiretti trattasi di una vera e propria invasione che deve trovare riscontro in un controllo. Oltre due milioni di cinghiali stimati in Italia che continuano a prolificare, arrecano danni alle colture agrarie e creano numerosi incidenti stradali. D’altro canto afferma Coldiretti lo stesso Piano di sorveglianza e prevenzione per il 2021 pubblicato dal ministero della Salute ha evidenziato che la specie cinghiale abbia un ruolo prioritario nell’irradiazione della Peste Suina Africana. Si vede quindi che occorre definire piani validi utili a contenere le dinamiche di popolazione del cinghiale.

Secondo Coldiretti il Piano deve essere indirizzato verso la riduzione sia numerica che spaziale attraverso le attività venatorie, le azioni di controllo della legge 157/92 articolo 19 e anche con azioni programmabili nelle aree protette. Abbattimenti quindi con personale specializzato in grado di ridurre in tempi brevi il numero dei cinghiali della penisola.

I dati sul parere degli italiani sulla questione cinghiale:

69% ritiene che siano troppo numerosi
58% che li considera una vera e propria minaccia per la popolazione, oltre che un serio problema per le coltivazioni
75% ritiene che siano un pericolo per gli equilibri ambientali.

Il risultato generale dell’indagine è che oltre sei italiani su 10 (62%) ne hanno una reale paura dei cinghiai e quasi la metà (48%) non prenderebbe addirittura casa in una zona infestata dai cinghiali. E dove trovarne non infestate?

riserva di caccia il passeggere