FACE ACCOGLIE CON FAVORE LA FARM TO FORK DELL’UNIONE EUROPEA

rizzini fucili da caccia e tiro

FACE ha accolto con favore la nuova strategia della Unione Europea relativa alle aziende agricole, che va incontro ad esigenze di sostenibilità sostenibilità, salute, cibo sostanzioso maggiore qualità per i cittadini europei.

La Commissione europea, il 20 Maggio 2020, ha presentato due ben definite strategie per il prossimo futuro: la Farm to Fork (F2F) e Biodiversità.

Entrambe sono il cardine del Green Deal dell’UE (la svolta ambientale) e tra tante importanti iniziative, F2F mira a ridurre l’utilizzo dei pesticidi chimici del 50unito alla riduzione dei fertilizzanti del 20% entro il 2030.

Anche il ruolo dell’agricoltura biologica è riconosciuto e la Commissione ha fissato l’obiettivo ambizioso di almeno il 25% dei terreni agricoli dell’UE destinati all’agricoltura biologica entro il 2030.

La transizione verso sistemi alimentari sostenibili, che ha naturalmente un importante impatto sulla economia delle aziende agricole, sarà sostenuta da una politica agricola comune (PAC) che sarà allineata al Green Deal.

La Politica Agricola Comune dopo il 2020 fornirà agli Stati membri linee guida (SM) a cui dovranno fare riferimento nell’elaborazione dei loro piani strategici nazionali della PAC.

La Commissione Europea si è posta l’obiettivo di garantire e definire delle raccomandazioni a ciascuno Stato membro sui nove obiettivi specifici fissati nella nuova PAC prima che gli Stati membri presentino formalmente i loro progetti.

Massima attenzione della UE agli obiettivi che riguardano la strategia F2F e  biodiversità. Chiederà agli Stati membri di stabilire valori nazionali espliciti per tali obiettivi, tenendo conto della loro situazione specifica.

Per ciò che concerne prossima PAC, la Federazione delle Associazioni Venatorie Europee intende sostenere pienamente la Commissione perché le disposizioni chiave delle proposte devono essere mantenute nel processo negoziale e dovrebbero essere sviluppati alcuni miglioramenti e iniziative pratiche. Adesso la palla passa al Parlamento europeo assicurarsi che tali disposizioni siano parte integrante della nuova politica agricola dell’UE.

Milioni di cittadini europei beneficiano già di alimenti disponibili localmente attraverso la caccia, la pesca e la raccolta di funghi e piante. Per questo motivo i 7 milioni di cacciatori d’Europa avranno un ruolo centrale e loro stessi da generazioni utilizzato il sistema “field to fork” da generazioni, cibandosi con carne di selvaggina sana e di provenienza locale.

Ossia mangiano quello che cacciano.

 

caccia in scozia sassetti oche anatre beccaccia gennaio 2019