FRANCIA: I CACCIATORI AVVERSANO L’ELOICO

 

Forte la polemica in Francia contro l’energia eolica per il loro presunto impatto sulla fauna selvatica.

Ad accendere la miccia è stato Stephane Bern giornalista televisivo molto vicino al Presidente Macron. Senza giri di parole si è rivolto al ministro dell’ecologia affermando che le turbine eoliche sono una negazione dell’ecologia. Rischiano di stravolgere il paesaggio francese e arrecare danni alla fauna selvatica.

Questo perché recentemente il governo ha autorizzato numerosi progetti per lo sviluppo eolico. Bern ha rincarato la dose sottolineando che l’energia eolica non è in alcun modo ecologica e rinnovabile. Inquina gravemente l’ambiente e distrugge il patrimonio naturale della Francia”, ricco di bellezze e di meravigliose architetture. Parole scritte su Le Figaro e che hanno avuto grande risalto nella nazione transalpina.

E’ la medesima posizione che da tempo hanno assunto i cacciatori d’oltralpe, per la costatazione che le turbine eoliche uccidono migliaia di uccelli ogni anno. E’ questa una battaglia che il Movimento per la Ruralità porta avanti da anni.

 

la baraggia riserva di caccia piemonte