LE AAVV LOMBARDE NON CI STANNO ALLA DEFINIZIONE DI “FRANGE ESTREMISTE”

Le Associazioni Venatorie Regionali della Lombardia rifiutano sdegnosamente e rimandano al mittente i contenuti del Comunicato Stampa emesso dalle sigle anticaccia riguardo “frange estremiste di cacciatori”, sempre più spesso assimilati a bracconieri che non hanno nulla a che vedere con che pratica la passione venatoria nel pieno rispetto delle leggi che la regolano.

Nessun “massacro” né tantomeno richiesta o progetto ufficiale per cardellino e simili , ma solo prelievo regolato nei numeri delle diverse specie consentite dalle Direttive UE e da Calendari Venatori fra i più rigidi d’Europa.
I 55mila cacciatori lombardi, riuniti nelle rispettive Associazioni, rispettano e vogliono essere rispettati, pertanto non esiteranno a farsi tutelare in tutte le sedi.
Anche per questo le Associazioni Venatorie lombarde hanno avviato un percorso unitario e condiviso attraverso la costituzione di una Confederazione.

Comunicato sottoscritto dalle Associazioni Venatorie:
ACL, ANLC, ANUU, ARCICACCIA, CPA, ENALCACCIA,FIDC,ITALCACCIA.

Tratti da Federcaccia.org

aa