LUPO TOSCANA: PER LA CIA REGIONALE LA SITUAZIONE E’ FUORI CONTROLLO

L’Associazione agricola riferisce di un sempre maggior numero di allevatori che subiscono attacchi da lupo alle proprie greggi. Sono urgenti interventi e che siano risolutivi.

Sembra che la situazione stia decisamente peggiorando per la pressione che il lupo sta portando alle greggi ovine della Toscana. Ed il concetto si allarga anche ai danni alle colture agrarie in generale operata da ungulati.

Nei giorni scorsi l’ennesimo attacco da lupo ad un allevamento in provincia di Grosseto; animali uccisi ed impauriti che interrompono il loro ciclo produttivo. E sembra che a poco servano i cani da guardia stando alla testimonianza di un allevatore che ha 13 cani ma ha già subito 3 attacchi perdendo 30 capi nell’arco di alcuni mesi.

Lo stato attuale è quello che riescono a salvarsi le pecore che sono sempre chiuse e anche l’avere un alto numero di cani è un aggravio al bilancio delle aziende per la loro cura ed alimentazione. Si stima che adottando tutte le precazioni possibili il costo di allevamento del singolo capo ovino aumenti di 40-50 euro a capo la cui causa principale è il mancato pascolamento che comporta che tutto il ciclo alimentare debba essere somministrato al chiuso.

 

tursimo venatorio caccia in riserva italia