Browning ha assegnato il nome del noto cervo asiatico alla sua carabina a riarmo lineare, proposta oltre alla versione lignea, anche in materiale composito.

L’evoluzione dello studio dei materiali compositi, non è certo sfuggita a Browning che con essi sta allestendo da tempo carabine di successo. L’uso del materiale composito nell’arma sportiva e più puntualmente da caccia, offre sicuramente alcuni vantaggi che si posso riflettere sui costi e quindi su portafoglio del cacciatore, non limitando di fatto i connotati balistici dell’arma. Lo stampaggio del materiale composito è sicuramente più economico ed assomma l’indiscusso vantaggio di essere particolarmente resistente nei confronti degli agenti atmosferici (forte caldo ed esposizione al sole, freddo, ghiaccio, umidità, acqua), fattore che permette al cacciatore di avere tra le mani una carabina di lunga durata, che da poche preoccupazioni del suo stato di conservazione anche trattata male e poco manutenuta.

browning maral sf composite carabina da caccia

Ma un ulteriore fattore di grande interesse che Browning ha colto al volo nella sua Maral SF Composite Brown, è la possibilità data dallo stampaggio di realizzare facilmente le forme che si desidera. Tale prerogativa ha permesso di dotare il calcio della carabina di un sistema di appoggio variabile (nasello) facilmente adeguabile alle esigenze fisiche del cacciatore o alla sua postura e fissato attraverso un farfallina posta sul calcio, su cui si può agire con facilità anche sul terreno di caccia. Per il colore del composito Browning ha scelto un colore marrone opaco non riflettente che si integra ottimamente con le esigenze di non visibilità di un cacciatore. La pistola del calcio ha avuto una ulteriore cura con materiale grippante di colore nero che garantisce grande presa in tutte l condizioni atmosferiche. Analoga cura è statata posta nella parte inferiore dell’asta tipo tulip, anch’essa totalmente costituita dal medesimo materiale composito. Il calcio termina con un elegante calciolo di grande efficacia per l’assorbimento del rinculo.

La canna con lunghezza di 560 mm, è filettata (M14x1) e dotata, visti i calibri nei quali è prodotta (.308Win e 30-06) lo spengi fiamma di cui è dotata risulta essere particolare di elevato interesse per tenere sotto controllo l’effetto del rinculo e dell’impennamento nei tiri ripetuti in veloce sequenza. Certo perché, ricordiamolo, il sistema di riarmo lineare pur essendo arma di elevata precisione, è utilizzata con successo nelle cacce in battuta al cinghiale o nelle monterie spagnole; cacce entrambe ove l’esigenza di ripetere i colpi è quanto mai frequente per le difficoltà di centrare il bersaglio.

browning maral sf composite carabina da caccia

La Maral SF Composite Brown è dotata di organi di mira tradizionali con componenti in fibra ottica, ma è anche dotata di slitta pe accogliere ottiche a scelta del cacciatore ma per le quali Browning suggerisce le “proprie” a marchio Kite.

Il caricatore è di grande capacità, contenendo 10 colpi per il 30-06 e 9 per il calibro 300 Win.

Il riarmo lineare è quello efficientissimo già proposto da Browning in altre versioni precedenti di Maral e l’arma appare nella sua visione globale molto bella.

Cinghialai italiani … buona Maral a tutti.

 

 

_______________________________

lepre chiusura caccia stagione venatoria