FRANCIA E CATTURE CON IL VISCHIO

 rizzini fucili da caccia e tiro

I cacciatori tradizionalisti francesi una priva battaglia l’hanno vinta grazie all’Avvocatura Generale della Conte di Giustizia dell’UE.

L’Avvocatura Generale della Conte di Giustizia dell’UE ha valutato come la modalità di cattura con il vischio, la Glue come la definiscono i cacciatori francesi possa essere esercitata se limitata alle piccole quantità di prelievo.

Pratica tradizionale in alcune aree di Francia, Alpes-de-Haute-Provence, Alpes-Maritimes, Bouches-du-Rhône, Var e Vaucluse, era stata vietata quest’anno dal ministro dell’Ambiente Barbara Pompili.

I cacciatori francesi, notoriamente battaglieri quando si tratta di difendere le tradizioni di caccia, si sono rivolti alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea. Sulla questione è intervenuto anche il consigliere generale della CGUE, Juliane Kokott, affermando che il vischio può essere considerato corrispondente a un utilizzo giudizioso delle specie di uccelli in questione, se le autorità francesi competenti giungeranno ragionevolmente alla conclusione che il mantenimento di una modalità tradizionale di caccia ricreativa, prevalente a livello regionale, ha un valore culturale. Un metodo di caccia può essere riconosciuto accettabile in relazione all’importanza culturale del metodo di cattura.

La battagli non è ancora vinta per i cacciatori francesi, poiché in via definitiva saranno i Giudice della Corte di Giustizia Ue a doversi esprimere, ma il parere dell’Avvocatura generale è già un buon viatico.