MUNIZIONI IN PIOMBO: PROPOSTE RESTRITTIVE DI ECHA

rizzini fucili da caccia e tiro

La Commissione Europea interviene a gamba tesa sulla caccia europea chiedendo a ECHA la elaborazione di un relazione con proposte restrittive che valuti il piombo in relazione alla salute di fauna selvatica ed esseri umani.

La lettera della UE chiede anche di valutare questioni di benessere degli animali e rischi di potenziali incidenti per cacciatori che utilizzano munizioni alternative al piombo.

Secondo Face ECHA elaborerà la proposta di restrizione in un massimo di 12 mesi dalla richiesta. A questa seguirà una discussione in cui la stessa Face (federazione dei cacciatori europei) verrà coinvolta assieme a tutte le parti interessate.

Mentre Face segue e supporta l’eliminazione del piombo nelle aree umide, non accetta divieti generali del divieto di piombo. Su questo Concetta che tutte le valutazioni dovranno essere messe in relazione a rischi dimostrati per le popolazioni selvatiche e salute umana attraverso l’uso delle carni.

Nel 2018 l’ECHA nella sua relazione aveva indicato ipotesi di restrizione in tutti gli ambienti terrestri oltre che nelle zone umide. Il comunicato emesso da Face segnala che se l’ECHA chiederà una restrizione più ampia al piombo nelle munizioni oltre che nelle aree umide, è sicuro che questo approccio abbia una elevate complessità per la determinazione effettiva dei rischi per le popolazioni selvatiche e la salute umana, in particolare per quanto riguarda le misure di gestione del rischio disponibili.

 

_______________________________________________

caccia abbigliamento accessori effebistore calci e aste