SOVRAPPOSTO 828 U STEEL BE.S.T. BLACK: L’EVOLUZIONE CONTINUA

L’evoluzione continua, che in Benelli è la parola d’ordine, riguarda anche il sovrapposto più innovativo, mai proposto ai cacciatori; l’828 U. Non solo con bascula in ergal, ma adesso anche in acciaio.

Una premessa è d’obbligo; Benelli assegna elevatissima importanza alle esigenze dei cacciatori. Lo ha dimostrato più volte, una tra tutte, l’attenzione che ha messo per prima nel campo dei semiautomatici per i tiratori mancini. Il sovrapposto 828 U Steel BE.S.T.  Black, è il risultato di una ulteriore attenzione dell’azienda di Urbino per un’altra esigenza, o meglio una decisa preferenza che una parte dei cacciatori ha in merito al peso del fucile da caccia. Per molti cacciatori, il fucile da caccia si deve sentire tra le mani, deve avere una sua consistenza, e questo concetto va oltre i materiali o ragionamenti sulla robustezza delle componenti che tutti gli appassionati considerano scontata. E’ proprio una ricerca psicologica del cacciatore, che senza un motivato perché, si sente soddisfatto nell’utilizzare un fucile dal “giusto peso”; ciò lo fa sentire a suo agio, fattore nel tiro a volo di caccia è qualcosa di assoluta valenza. Per assecondare questo aspetto mai secondario, Benelli nella sua innovativa piattaforma dell’828 U, ha realizzato la versione con bascula in acciaio, dando una risposta alle suddette aspettative. Non è da considerare un incremento di robustezza, poiché anche la bascula in ergal la garantisce totalmente, ma un andare incontro a certe esigenze che taluni manifestano. Oltre ciò è anche vero, che in taluni tipi di caccia ove si spara molto, un fucile meno leggero offre un maggior contrasto all’azione retrograda del rinculo con la risultante di affaticare meno il corpo e la spalla. D’altro canto poi, ci sono specificità che ogni cacciatore esprime nel tiro e tutti quelli che sono avvezzi a non tenere troppo saldamente l’arma allo sparo, beneficiano più di altri dell’aiuto che il peso del fucile da nel contrastare l’impennamento, agevolando la mira nel colpo successivo. L’828 U Steel BE.S.T. Black, in realtà sta tutto nel suo nome, avendo la bascula in acciaio, che è sottoposta ad un’altra innovazione esclusiva di Benelli: il trattamento BE.S.T., capace di fornire un contrasto elevatissimo alla azione deleteria degli agenti atmosferici, della corrosione e dell’usura e che è applicato alle parti in acciaio, bascula e canne in primis ma anche a sicura, lock plate e croce. Questo conferisce alle parti il suo caratteristico nero assoluto, cosi che il termine black trova in questo 828 U piena soddisfazione.

Benelli sovrapposto 828U Steel BE.S.T caccia

Uno dei tanti aspetti di innovazione del sovrapposto di Benelli rispetto ai tradizionali, è la chiusura e la sua efficienza, elementi essenziali di ogni basculante. Ad Urbino si sono discostati totalmente da tutte le tradizionali esecuzioni e progettato la chiusura Lock Plate ideazione solida e performante nella quale una piastra in acciaio porta due risalti uno per lato di solida fattura. Ad arma chiusa, la parte basale della piastra si ancora saldamente al gruppo mentre la sua parte superiore si vincola alle due sedi del gruppo canne. In questa condizione la solidità e coesione di tutte le componenti impegnate è totale ed i perni di rotazione lavorano molto meno che nei sovrapposti tradizionali. Questi pur non essendo che impegnati nella sola rotazione all’apertura dell’arma, sono comunque dotati di elevata robustezza e resistenza. La considerazione generale sulla chiusura dell’828 U è di fatto lusinghiera, anche in considerazione del fatto che a supporto della decisione ingegneristica c’è stata da parte di Benelli una approfondita valutazione dei materiali da impiegare e dei trattamenti ai quali sottoporli. Ad ulteriore supporto della efficienza del Lock Plate, Benelli ha lavorato su tolleranze ridottissime.

Il vivo di culatta, a differenza della maggior parte degli altri sovrapposti è un monoblocco all’interno del quale sono ricavate le camere di cartuccia da 76 mm che poi continuano nelle canne proposte da Benelli per questa versione con lunghezza 70 e 76 mm solo in cal.12.

Tra le tante innovazioni che sono state immesse nell’828 U c’è il concetto del Perfect Fitting, ottenuta con una soluzione nota da tempo nei semiautomatici. L’uso delle piastre di variazione piega e vantaggio tra calcio e bascula, ma che nessun produttore aveva mai immesso in un sovrapposto. 40 diverse possibili combinazioni tra vantaggio destro e sinistro garantiscono la configurazione ottimale per ogni cacciatore che può essere variata con grande facilità. È utile far notare inoltre che ulteriore incremento al Perfect Fitting è fornito dai naselli intercambiabili in poliuretano alloggiati sul dorso del calcio che oltre che smorzare le microvibrazioni allo sparo, permettono una ulteriore possibilità di configurazione.

Anche sulle canne dell’828 U ha lavorato molto, perché la scelta di passare dall’unica canna dei semiautomatici che hanno fatto la storia dell’azienda, al produrre un fucile a due canne sovrapposte, poneva nuove tematiche da affrontare per garantire una efficace vibrazione delle canne. Ciò è naturale poiché è noto che un sovrapposto tradizionale ha molti vincoli che distraggono il normale regime vibratorio ed è stato necessario trovare soluzione che lo garantisse al meglio. Benelli ha agito in più direzioni, definendo una bindella non metallica ma in fibra di carbonio, che non avesse nessuna interferenza sul regime di vibrazione delle canne e che porta un mirino rosso in fibra ottica. Ha inoltre agito sulle lavorazioni crioscopiche delle stesse, in grado di eliminare la maggior parte delle tensioni del metallo, e non ultima, con la particolare attenzione posta sulle saldature. Il risultato finale, che è quello che interessa al cacciatore, è di una elevata efficienza balistica garanzia di grandi risultati sul selvatico. Ad ulteriore supporto al regime vibratorio, le canne sono prive di bindellini laterali e unite solamente alle due estremità.

Gli strozzatori, sottoposti anch’essi a trattamento criogenico, sono intercambiabili. Come le canne sono steel shot, quindi l’828 U Steel BE.S.T. Black è arma in grado di sparare le munizioni con caricamenti alternativi al piombo.

Altra fondamentale caratteristica che distingue l’828 U dalla maggior parte dei sovrapposti è il gruppo di scatto che è estraibile, dotato di monogrillo selettivo, con scatto secco e preciso. La chiave di apertura, ha forma molto singolare e non centrale come nella tradizione e sovrasta la slitta della sicura. Questa è azionata dal cacciatore, ma a richiesta è possibile avere la variante con chiusura automatica, che va attivarsi quando il fucile va in chiusura.

Benelli sovrapposto 828U Steel BE.S.T caccia

I percussori hanno masse minime, che è un’altra prerogativa di sicurezza, poiché non sono in grado di accendere l’innesco in caso di caduta accidentale del fucile.

Al fine di garantire la migliore configurazione possibile per il cacciatore, l’828 U Steel BE.S.T. Black ha un L.O.P. variabile a richiesta. E’ fornito con la configurazione normale di L.O.P. di 375 mm, ma per esigenze particolari può avere configurazioni con L.O.P. di 345, 355, 365 e 385 grazie a calcioli di diverso spessore. Questi sono ormai apprezzatissimi per la loro efficienza ed uniti al sistema Progressive Comfort, brevetto Benelli, sono in grado di fornire una dissipazione delle forze retrograde e sminuire notevolmente la forza generata dal rinculo destinata a scaricarsi alla spalla del cacciatore.

Calcio e asta dell’828 U Steel BE.S.T. Black, sono i medesimi delle altre configurazioni con un bel legno di noce europeo finito ad olio, ma il contrasto con il nero della bascula li fa assurgere ad una combinazione cromatica di rara eleganza.

 

828 U STEEL BE.S.T. BLACK a caccia

Averlo tra le mani, soprattutto dopo aver cacciato per l’ora precedente con un calibro 28, trasmette una sensazione di solidità continua sia nel brandeggio che quando si assesta sulla spalla al momento dello sparo. Per me che non sono mai stato un cultore dell’arma leggera, la sensazione è gradevolissima e quindi io sono tra quelli che possono apprezzare la soluzione Steel dell’828 U che raggiunge il peso 3400 grammi con canna da 70. Questo fa sicuramente pensare che la miglior destinazione del fucile sia quella dell’appostamento, caccia meno affaticante della vagante e dove il buon numero di colpi sparati, non impegna molto la spalla, per il lavoro congiunto dell’inerzia dovuta al peso e del sistema calciolo/Progressive Comfort. Pur con strozzature non eccessive montate per l’occasione, si è potuto apprezzare la notevole efficienza alla lunga distanza su un selvatico, il fagiano, che in autunno ha ottima protezione dal suo piumaggio. Una nota piacevole è l’efficienza degli zigrini che garantiscono una notevole presa sul calcio ma anche saldezza naturale per la mano debole sull’asta. Una cosa sulla quale abbiamo posto attenzione era la chiusura, talmente diversa dai sovrapposti tradizionali da essere sempre oggetto di curiosità. Si percepisce dai rumori netti all’atto della chiusura quanto siano minime le tolleranze, elemento ulteriore di affermazione solidità dell’arma e conseguente durata nel tempo. Una nota a margine dato che quando si testa un’arma, lo si fa con un tipo di caccia, escludendo le altre, per cui nell’esperienza vissuta si tende a immaginare come si comporterebbe il fucile in altre tipologie di caccia. Si riesce a capire dalla configurazione dell’828 U STEEL BE.S.T. BLACK, quanto la caccia alla piccola migratoria, o al colombaccio possano stare perfettamente nelle sue corde, come del resto è ben immaginabile nella posta per la caccia alla lepre con i segugi. Ma mi spingo oltre, per quanto la sua estetica poco si connatura con i colori del canneto, questo sovrapposto di Benelli può essere considerato arma ideale per quei rientri serali al tramonto sulle anatre così tanto apprezzati da molti cacciatori in tutto il mondo.

Vivere una esperienza di caccia con l’828 U Steel BE.S.T. Black, per la sensazione di solidità che rilascia, oltre che per l’ammirazione che susciterà nei compagni di caccia.

 

Scheda tecnica

CALIBRO: 12

CAMERA: 76 mm

CANNE E STROZZATORI 65/70/76

FINITURA CARCASSA In acciaio con trattamento BE.S.T.

CALCIO E ASTA Noce grado 3 finito ad olio

LUNGHEZZA CALCIO DAL GRILLETTO / DEVIAZIONE: Standard 375 mm modificabile a 385 mm con calciolo lungo o a 365 mm con calcio specifico. Compact 345 mm modificabile a 355 mm con calciolo lungo

PESO: 3.400 g

PACKAGING: 828 U viene fornito in una valigetta in polimero che ricalca lo stile dei package Benelli di ultima generazione. Il rivestimento interno in tartan conferisce un inconfondibile tocco di eleganza. La struttura interna è versatile e modulare, la sezione canne-astina e la sezione calcio-bascula sono dimensionate e accessoriate per accogliere 828U in qualsiasi confgurazione lo si voglia personalizzare.