UMBRIA MINIMO 15 CACCIATORI NELLA SQUADRA DEL CINGHIALE

Il precedente regolamento Regionale prevedeva una presenza di 20 partecipanti ma nell’ottica delle precauzioni anticovid e della necessità di rendere efficace l’impatto sulla specie cinghiale si è effettuata la riduzione del numero minimo di partecipanti.

La Terza Commissione Consiliare della Regione Umbria ha approvato la modifica del Regolamento per la caccia collettiva al cinghiale per regolare la presenza dei cacciatori sul territorio ed allo stesso tempo continuare a dare efficacia alla caccia al cinghiale la cui stagione si è aperta recentemente.

Il Regolamento prima della modifica, normava il numero dei componenti per squadra che andava da 20 70 cacciatori. Con questo minimo nei giorni festivi esistevano problemi nell’organizzare le battute e comunque la presenza del Covid tra la popolazione ha fatti rivedere anche questi tipo di numero minimo.

La decisione, come ha spiegato l’Assessore Morroni, va anche incontro a garantire il maggior numero di battute di caccia possibili utili a contrastare il più possibile la proliferazione del cinghiale nella regione Umbria.

 

turismo venatorio caccia in riserva