SPAGNA: STRAGE DI UCCELLI – TORDI – PER LA RACCOLTA OLIVE

Il sito Bighunter.it riporta una preoccupante notizia del novembre scorso relativa ad una grande moria in spagna di uccelli migratori durante le fasi di raccolta olive.

Sta succedendo in Spagna, uno dei più grandi produttori al mondo di olio di oliva, paese nel quale in anni recenti la pianta che produce le pregiate bacche da cui si ottiene l’olio, è stata oggetto di intesi studi volti a favorire l’abbattimento dei costi di produzione, anche attraverso la raccolta meccanizzata.

La ricerca ha portato alla realizzazione di una raccolta meccanizzata integrale, realizzata attraverso macchine operatrici. Di concerto all’utilizzo di tali macchine, la Spagna si è dotata da tempo di migliaia di ettari di oliveti che sono oggetto di sosta e riposo per i migratori che vanno verso l’Africa. Uno di questi lo conosciamo bene è il tordo bottaccio per il quale il paese iberico è famoso per la caccia.

Tordi ed altri migratori subiscono gli effetti della raccolta meccanizzata: mentre di giorno a quanto pare gli stessi uccelli riescono per a scappare tranquillamente dagli alberi al semplice avvicinarsi della macchina e quindi non ne subiscono gli effetti, di notte la situazione cambia drasticamente e tali macchine con l’aiuto dei fari, purtroppo lavorano anche di notte.

Nel buio, confusi e disorientati dai fari, tordi bottacci ed altri migratori, rimangono sugli alberi e sono vittima degli scuotitori. Come sagnala il sito Cordopolis che parla di vera e propria catastrofe ambientale, i contingenti di uccelli presenti in migrazione in Spagna provengono dal Regno Unito, da Francia, Olanda, Belgio e Penisola Scandinava, e l’impatto che si crea sui contingenti in migrazione ha ovviamente rilevanza sovranazionale.

Le risultanze degli accertamenti posti in essere dalle autorità spagnole stimano la morta di 100 uccelli ad ettaro e considerando che in particolare l’Andalusia è letteralmente ricoperta di olivetim si stima che ogni anno soli i possano morire oltre 2 milioni e mezzo di tordi ed altri migratori.

Oltretutto, da indagini che sta svolgendo la Guardia Civil, sembra che tali uccelli, diventino oggetto di un commercio non legale verso operatori della ristorazione, dato che vengono baypassate le norme di controllo sanitario delle carni.

Le autorità – e speriamo che lo facciano veramente con immediatezza – stanno valutando di adottare il divieto di raccolta delle olive nelle ore notturne.

 

caccia in scozia sassetti oche anatre beccaccia gennaio 2019